10/12/09

UN AMANTE CRUDELE: LA COCAINA


Mi chiamo Gaetano e sono un "ragazzo" quasi quarantenne. Chi mi vede oggi stenterebbe a riconoscermi se solo mi avesse incontrato 5 mesi fa: ero come un lampione spento ed arrugginito in una strada di periferia, nessun interesse in un tempo perennemente buio. C'era un'unica cosa che, secondo il mio punto di vista di allora, era vitale: la cocaina. L'unica cosa che splendeva ai miei occhi, straordinaria e magicamente dominante.

Come una terribile amante mi stava accanto, mi chiamava, si impossessava del mio corpo e dei miei sensi: la mia estasi ed il mio tormento. La mia vita si svolgeva in funzione del pomeriggio: tornavo a casa dal lavoro e finalmente eravamo soli, io e lei, la "mia" cocaina. Restavo seduto al tavolo a guardarla incantato, gli occhi annebbiati ed a volte mi sembrava che anche Lei mi guardasse. Il mio cuore batteva forte, se mi fossi alzato e guardato allo specchio avrei visto il mio vero aspetto: invecchiato, ingiallito, con il naso perforato dall'usura ed, invece, restavo li, a guardare Lei. Non potevo perderla. Certe volte le parlavo, le chiedevo cosa volesse da me e continuavo sottomesso ad anestetizzare me stesso e tutti i miei dolori sniffando.

Credo di aver urlato, anche con dolore, il giorno in cui ho detto BASTA! Ho chiamato mio fratello e gli ho chiesto di portarmi nello stesso centro dove lui 9 anni prima aveva ritrovato se stesso (anche lui è un ex tossicodipendente). Mi ha accompagnato al Narconon Grifone, c'era sempre la "piccola" Giusy (la direttrice), ormai nostra sorella, amica, confidente e gli altri operatori e da lì ho ricominciato ad assaporare il giorno.

Finalmente uscivo da quella lunga notte che erano stati i miei anni con la cocaina. La ripresa è stata immediata: prendevo peso, i miei occhi diventavano puliti, limpidi e man mano che andavo avanti, che studiavo, ridavo realtà a parole come "Vita", "Gioia", "Speranza", sapevo nuovamente discernere l'errore dal giusto. Andavo avanti con il mio programma ed è come se avessi raccolto dentro me un tesoro ed il gioiello più grande è stata la mia stessa vita. Una magia! Una magia voluta, desiderata, conquistata giorno per giorno con intenzione e determinazione: la vita è una sola ed è meravigliosa. Grazie Narconon.


SE CONOSCI QUALCUNO CHE HA UN PROBLEMA DI DROGA
O ALCOL C'È QUALCOSA CHE PUOI FARE SUBITO CHIAMA 02 36589162 IL PROGRAMMA NARCONON FUNZIONA

Nessun commento:

Posta un commento